#PANEENUTELLA

Ciriola

Una pagnottina dalla forma simpatica e tascabile, caratterizzata da una crosta fragrante e da un interno morbido.

ciriola
ciriola hp
CIRIOLA

Contenuti realizzati dall’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo.

storia
storia

Storia e territorio

 

L’etimologia del nome per alcuni è legata al colore che ricorda quello delle candele, che in latino venivano dette appunto ciriole. Per altri, invece, ricorderebbe la forma di un piccolo pesce, nello specifico di un’anguilletta. È spesso associata anche al pane dei muratori per la sua forma pratica e tascabile, infatti può essere facilmente trasportato ovunque.

 

Tradizionale pane romano, ma diffuso in tutta la regione. Sul territorio l'appellativo con cui è riconosciuto da tutti, richiama la sua forma che ricorda le piccole anguille che venivano pescate nelle acque del Tevere.

CIRIOLA

Un evergreen: la Nutella® si spalma sulla mollica di un pezzo di ciriola e gli aromi di nocciola vanno a braccetto con la crosta fragrante del pane.

Ciriola e Nutella®

Cremosità e morbidezza si incontrano in un morso. Una colazione all'aperto, con il caffè, il latte fresco e una coppetta di macedonia di frutta. Per una colazione slow e anti-stress.

Come prepararlo

ciriola

1

Taglio

Con la sua forma compatta, la ciriola è perfetta per essere farcita all’interno tagliandola orizzontalmente. La crosta croccante e dorata è il suo lato migliore da gustare.

ciriola

2

Spalmata

È consigliato spalmare Nutella® all’interno con uno spalmino, in modo che la crema entri perfettamente a contatto con la mollica soffice.

Aspetto e caratteristiche

ciriola
  •  

    Vista

    Un paninetto dalla forma allungata e leggermente rigonfiata nella parte centrale con una crosta dorata e fragrante, una lunga incisione nel dorso e possibili residui di farina nei bordi.

  •  

    Tatto

    La crosta liscia e dorata fa sentire tutta la sua croccantezza al tatto.

  •  

    Curiosità

    La ciriola è sfiziosa già nel nome e nella forma; all’olfatto è caratterizzato da aromi di lievito e grano leggermente tostato, mentre all’esame gustativo si presenta equilibrato e giustamente saporito.

  •  

    Ingredienti

    L’impasto composto da farina di grano tenero, lievito, acqua e sale viene lasciato riposare per sei ore prima di essere lavorato nella classica forma e pezzatura e dopo un’ulteriore mezz’ora di riposo i panetti possono essere infornati.

Se ti piace, condividi su