#PANEENUTELLA

Crescia

La crescia sfogliata di Urbino è un disco di pane fragrante e a strati che ricorda la piadina, ma che in più nell’impasto ha le uova. Profumata, golosa e orgogliosamente marchigiana.

crescia
crescia
crescia

Contenuti realizzati dall’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo.

storia
storia

Storia e territorio

 

La storia della crescia sfogliata di Urbino risale al XV-XVI secolo, in pieno Rinascimento, periodo storico legato al ‘fiorire’ delle arti, della cultura e, non per ultima, della gastronomia. Centro nevralgico di questo fermento era la corte rinascimentale del Palazzo Ducale del Duca da Montefeltro di Urbino.

 

Proprio qui si racconta che la crescia venisse già apprezzata come una pietanza “per benestanti”, “da duchi”, data la presenza di ingredienti come pepe e uova, all’epoca considerati di alta gamma. Molto poetica è invece la leggenda che ruota intorno all’invenzione di questa ricetta: una giovane fornaia marchigiana, osservando il sole calare tra le torri del Palazzo Ducale, pensò di preparare qualcosa che fosse ispirato al desiderio di libertà del sole. È tipica di Urbino, ma esistono diverse varianti regionali nelle Marche e in Umbria.

Risale al 1903 la lettera di Giovanni Pascoli a un amico di Urbino, nella quale il noto poeta fa riferimento alla crescia: “…son più di trent’anni che non vedo Urbino, e la vedo sempre! Non m’è uscito di mente nulla, nemmeno la Baciocca dove ci facevamo fare le crescie!”. 

 

crescia

Il calore della crescia abbraccia la Nutella® e amplifica gli aromi della nocciola che si sposano con quelli del lievito.

Crescia e Nutella®

Una colazione divertente per i più piccoli. Sul tavolo ci sono i gessetti colorati e i bambini, tra un disegno e l’altro, si gustano la loro colazione con un piccola crescia con Nutella®, una ciotola di anguria a pezzetti e un bicchiere di latte, a cui aggiungere per i più grandi anche un buon caffè.

Come prepararlo

crescia

1

Taglio

La crescia viene tagliata in spicchi.

crescia

2

Spalmata

La crescia è ancora tiepida, come si vede dal colore più scuro di alcune parti. La Nutella® è spalmata dolcemente con un coltello senza lama su questo cerchio di pane.

Aspetto e caratteristiche

crescia
  •  

    Vista

    Un disco di pane rotondo schiacciato, di almeno 10 mm, sottile e sfogliato. Di colore dorato, caratterizzato da striature più o meno scure, per il contatto con una superficie di cottura: oggi una padella antiaderente, un tempo la brace o il ‘testo’.

  •  

    Tatto

    Internamente l’impasto risulta morbido e a strati, mentre esternamente si presenta croccante con pezzetti di sfoglia che tendono naturalmente a staccarsi creando così una texture unica.

  •  

    Curiosità

    Il mattarello con cui si spiana l'impasto non deve mai essere lavato con il sapone e l’impasto va steso su una spianatoia di legno (non di acciaio!), solo così la crescia si arricchirà dei sapori e degli odori di un tempo.

  •  

    Ingredienti

    Farina di grano tenero, latte e uova sono gli ingredienti dell’impasto che deve essere liscio e omogeneo L'impasto lavorato su sé stesso formando una chiocciola, viene poi steso con il mattarello e ricoperto con un sottile strato di strutto.

Se ti piace, condividi su