#PANEENUTELLA

Biova

Un panino tondo dalla sofficità che incanta, dal sapore avvolgente e dalla crosta croccante che si contraddistingue per il suo speciale taglio centrale.

biova 1
biova hp
Bovia

Contenuti realizzati dall’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo.

storia
storia

Storia e territorio

 

Le origini della biova sembra siano franco-piemontesi, ma è ormai riconosciuto da tutti che questo pane fosse già presente in Valle Bormida da oltre un secolo. La sua preparazione è lenta e scandita da passaggi precisi e ben definiti. I panetti vengono lasciati lievitare sotto un telo cotonato e custoditi dentro a contenitori lignei in ambienti caldi e umidi.

 

La sua forma particolare richiede una certa abilità manuale che le moderne macchine stampatrici fanno ancora fatica a replicare: meglio dunque affidarsi alle mani capaci dei panettieri della Valle Bormida. Nel territorio piemontese ne esistono due principali varianti, perlopiù legate al peso: il “biovone” con pezzatura grande di 500 grammi e la “biovetta” con un peso di circa 50 grammi.

La pezzatura col tempo si è ridotta sempre più per favorire un consumo come panino farcito, anziché a fette. “Madamìm, am daga quatr-sinch biove": con questa frase in dialetto i nonni piemontesi richiedevano qualche biova alla panettiera.

Bovia

Non è soltanto una perfetta accoppiata regionale, è molto di più.

Biova e Nutella®

La crosta che si sbriciola a ogni morso, il sapore tostato che si accompagna al flavour della nocciola, la mollica, bianca e asciutta. A colazione arricchisci la tua porzione di biova con uno yogurt bianco e una ciotola con frutti rossi e una foglia di menta, per gli adulti una tazzina di caffè e qualche nocciola.

Come prepararlo

biova

1

Taglio

La Biova è leggera come una nuvola, non ha praticamente peso (se non nella crosta). Basta spezzarla a metà con le mani per accorgersi subito che l’interno è cavo.

Bovia

2

Spalmata

Una superficie ideale per accogliere una cremosa spalmata di Nutella®.

Aspetto e caratteristiche

bovia
  •  

    Vista

    Un panino rotondo e morbidissimo, solitamente di piccole dimensioni e dalla forma oblunga. Può raggiungere un peso variabile di 50-500gr.

  •  

    Tatto

    La crosta è ruvida e fragrante, mentre l’interno cavo è morbido e di colore bianco.

  •  

    Curiosità

    Prima di essere infornati, i filoncini vengono incisi con un taglio per evitare che si creino delle disordinate spaccature nella crosta.

  •  

    Ingredienti

    Grazie alla presenza nell’impasto dell’olio, la Biova si presenta con una crosta esterna fragrante e dorata e regala un’irresistibile croccantezza al morso.

Se ti piace, condividi su