#PANEENUTELLA

Ciabatta

Un pane conosciuto in ogni angolo d’Italia, dalla mollica soffice e una crosta croccante ma elastica.

Ciabatta - scheda 2
Ciabatta - scheda 1
Ciabatta - Abbinamento
storia
storia

Storia e territorio

Tipicamente veneta, la ciabatta nasce all’inizio degli anni ‘80 ad Adria durante la crisi dei mulini del 1976-1977. In quel periodo molti panettieri si dedicarono alla ricerca della miscela di farina perfetta per salvare i mulini della zona: la soluzione nacque sulla base della ricetta del pane tipico francese e della michetta italiana, con una farina capace di assorbire fino al 70% di acqua.

 

 

 

Ciabatta - Abbinamento

Spalmare Nutella® sulla tenera mollica della ciabatta è un sogno a occhi aperti.

Ciabatta e Nutella®

La croccantezza delicata della crosta esalta ogni morso, lasciando però alla crema il ruolo di vera protagonista. A colazione è perfetta insieme a una tazza di tè e limone o con una coppetta yogurt bianco, ciliegie e mandorle croccanti.

Come prepararlo

Ciabatta - Preparazione 1

1

Taglio

Dalla ciabatta intera, posta orizzontalmente sul piano di lavoro, è possibile ottenere soffici fette di pane.

Ciabatta - Preparazione 2

2

Spalmata

Ogni fetta esibisce un letto di mollica soffice come una nuvola, fatto apposta per Nutella®. La croccantezza delicata della crosta ravviva a ogni morso il sapore della crema.

Aspetto e caratteristiche

Ciabatta - Aspetto e caratteristiche
  •  

    Vista

    All’esterno la crosta è color nocciola mentre la mollica è bianca, morbida e ricca di alveolature marcate.

  •  

    Tatto

    La crosta croccante (flessibile ma resistente) scrocchia piacevolmente lasciando piano piano spazio a un cuore morbido e saporito.

  •  

    Curiosità

    Dopo un’ora di lievitazione, occorre rimescolare l’impasto formando delle piccole “pieghe” per favorire ulteriormente la lievitazione.

  •  

    Ingredienti

    L’impasto appare umido per l’uso di un pre-impasto, chiamato polish (composto da farina 00, farina manitoba, acqua e lievito), che conferisce al pane un alto grado d’idratazione.

Contenuti realizzati dall’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo.

Se ti piace, condividi su