#PANEENUTELLA

Pane Nero

Pagnotta tonda di segale, ricca di fibre e simbolo della tradizione Alpina.

Taglio Pane Nero
Pane Nero
Ambientata Pane Nero
storia
storia

Storia e territorio

Fino all’inizio del Novecento, nella maggior parte dei comuni valdostani era presente un forno comunitario e la produzione di questo pane faceva parte di un rituale che coinvolgeva tutto il borgo: le donne impastavano, gli uomini cuocevano e i bambini aspettavano l’arrivo della pagnotta calda. Il pane veniva prodotto una volta all’anno, dopodichè veniva conservato su graticci di legno chiamati “ratelë", per nutrire le famiglie isolate durante i lunghi mesi invernali (essendo ricco di fibre e in grado di conservare le sue proprietà organolettiche a lungo).

Ambientata Pane Nero

Quando il sapore dolce e avvolgente di Nutella® incontra quello rustico del pane nero è sempre una delizia.

Pane Nero e Nutella®

Perfetto per iniziare la giornata insieme a una tazza di latte macchiato caldo, una ciotola di pere e noci e qualche fetta di salame cotto montano.

Come prepararlo

Preparazione 1 Pane Nero

1

Taglio

Tagliare il pane ad “X”, dividendolo così in 4 triangoli. Tagliare poi delle piccole fette da ciascun triangolo.

Preparazione 2 Pane Nero

2

Spalmata

Spalmare Nutella® lungo tutta la superficie della fetta, lasciando che il sapore rustico del pane incontri il gusto dolce della crema.

Aspetto e caratteristiche

Caratteristiche Pane Nero
  •  

    Vista

    E' un pane tondo, di media pezzatura e dal colore scuro dovuto alla farina di segale.

  •  

    Tatto

    Presenta una crosta dura, ruvida e irregolare.

  •  

    Curiosità

    Per tagliare il pane nero dopo un lungo periodo di conservazione si usa il “copapan”, un coltello adatto per il pane secco.

  •  

    Ingredienti

    L'impasto è fatto di farina di segale e di frumento, acqua e lievito madre. Talvolta arricchito con castagne, cumino o frutta secca.

Contenuti realizzati dall’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo.

Se ti piace, condividi su