#PANEENUTELLA

Pitta

Un pane rotondo e leggermente schiacciato con un buco al centro. Di antica origine calabrese, un pane da condividere e da riempire con ingredienti differenti con un solo obiettivo: insaporire la mollica.

Pitta Calabrese
Pitta Calabrese
Pitta Calabrese

Contenuti realizzati dall’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo.

storia
storia

Storia e territorio

 

La pitta ha una grande storia, per alcuni potrebbe risalire addirittura all’Antica Grecia, con il nome di πίτα, mentre la versione più accertata legherebbe questo prodotto da forno alla storia romana con il nome di ‘picta’. Etimologicamente il termine “picta” vuol dire “dipinta” e indica l’usanza romana di offrire come dono agli dei delle focacce tonde decorate.

Quello che è certo, è che la pitta nasce come un ‘pane povero’, di poco conto, infatti era il primo pane cotto nel forno dal panettiere per testarne la temperatura. Non a caso a Vibo Valentia il nome richiama la prima pagnotta "jettata" ovvero gettata nel forno.

Pitta Calabrese

Il sapore rustico della pitta trova nella Nutella® un valido alleato, non solo a colazione ma anche per un brunch speciale.

Pitta e Nutella®

La pitta, tagliata a triangoli e farcita di Nutella®, è uno scrigno goloso da gustare in compagnia, magari per una colazione all’aria aperta. In questo pic-nic non possono mancare i frutti di bosco, un'insalata di stagione, con alcuni cubetti di formaggio fresco e bresaola e cold brew con latte servito con ghiaccio.

Come prepararlo

Pitta Calabrese

1

Taglio

La pitta va tagliata orizzontalmente, è un’operazione che richiede un po’ di attenzione, ma riuscire a mantenere i due strati della ciambella intatta, dà sempre grandi soddisfazioni.

Pitta Calabrese

2

Spalmata

Si parte con la farcitura: spalmiamo Nutella® su uno dei due lati della pitta aperta.

Aspetto e caratteristiche

Pitta Calabrese
  •  

    Vista

    La forma è quella di una grande ciambella con un buco accentuato, all’esterno è caratterizzato da una crosta scura e ruvida e all’interno la mollica è soffice e ben alveolata.

  •  

    Tatto

    Una ciambella dalla consistenza decisamente morbida.

  •  

    Curiosità

    Una volta rovesciato l’impasto sulla spianatoia bisogna ricavarne un disco alto circa 1 centimetro con all’interno un buco.

  •  

    Ingredienti

    Offre il meglio di sé in abbinata a qualche altro ingrediente, non è un caso che in alcune ricette venga impastato direttamente con il condimento.

Se ti piace, condividi su